MARCOPOLANI.IT

By on 30 novembre 2017

Nessuno può essere giudice di quello che sei. Molto spesso non ti senti compresa, anzi il più delle volte ti senti come condannata per i tuoi comportamenti. Solo perché non sono quelli di tutti. E ti senti in colpa e metti da parte gran parte dei tuoi desideri. A volte quello che fai sembra assurdo solamente per il fatto che è quello che non fanno gli altri. Devi pensare più a te stessa, vedere dritta la tua strada e togliere di mezzo tutti quegli ostacoli superflui ed inutili. Perché è vero, quello che vuoi puoi ottenerlo se ti ci metti con forza, passione e costanza. Purtroppo i meccanismi di questa società ti bloccano, perché tutti mettono bocca sulla vita degli altri, perché nessuno è in grado di gestire la propria vita e si rifugia nel criticare la vita degli altri. Ma tu pensa a quello che vuoi, vivi per i tuoi desideri, non nasconderti e non lasciarti buttare giù. Quando tutti si aspettano di vederti al tuo posto, docile e ammaestrata come loro, sorprendili: non sanno che sai andare oltre, che puoi permetterti di volare, che puoi volare così in alto che non riusciranno neanche più a vederti andare. E allora ti guarderanno con sospetto, ti guarderanno fuggire lontano e come una stella lontana alimenterai i loro dubbi e i loro misteri. Quello che è lontano molto spesso è poco nitido e viene confuso e viene visto con sospetto da chi non sopporta il diverso. Lasciali stare, sono tutti uguali, tu resta diversa, resta quella stella che brilla da sola, più forte di tutte le altre stelle del cielo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11 − 10 =

Risolvi l'operazione matematica *