MARCOPOLANI.IT

GIADA

By on 2 febbraio 2018

Sono qui a scrivere dopo aver visto la tua storia di Instagram, senza un motivo preciso. O forse perché nell’attimo in cui ho letto “sputa fuori tutto” ho sentito la necessità di farlo per davvero.
Mi sto domandando perché le persone abbiano l’estremo bisogno di far ricadere la colpa su qualcuno. Nella vita non può semplicemente andare che a volte le cose accadono e basta? Senza un perché o senza che ci sia necessariamente un colpevole.
Sai, questo “sfogo” sarebbe quel genere di cose che tengo per me in un file di Word o nelle Memo del cellulare.
Da un lato però mi fa stare meglio il fatto che qualcuno leggerà tutto questo.

Ho vissuto un amore a distanza e sto cercando di riviverlo per la seconda volta. La prima volta è finita per colpa mia.
C’era nella mia vita un’altra persona, una persona che mi è sempre stata amica e che improvvisamente si è trasformata in qualcosa in più.
Attrazione fisica tanta, baci al mare e un sacco di leggerezza.
E ora che cosa faccio?
Me ne torno in un porto sicuro, che sta a chilometri d’aereo da me.

Ho sempre pensato che per amore valesse la pena tutto.
Ma da un po’ non so più che persona sono.

Gli ho promesso che non gli farò del male, ma se poi succede che gliene faccio? Ma se qualcosa va storto?
Insomma, ricostruire un cuore rotto a distanza non è poi così semplice.

Vorrei solo andarmene lontano da tutti e forse cominciare tutto da zero.

Grazie Marco.

Risposta

Ciao, grazie per avermi scritto, gli “sfoghi” sono importanti, e la consapevolezza che non restino intrappolati in un memo ancora di più. Tutta la mia scrittura si basa su questo: dire a più persone possibili quello che ho paura di dire a me stesso. Sono contento di leggerlo e spero di aiutarti sia con le poesie sia con questa mail.

La gente è cattiva, ma è cattiva quando sta in gruppo, quando si fa forza, quando fa squadra, questo perchè singolarmente siamo tutti un po’ deboli e ci dobbiamo alleare sempre contro i più deboli per far vedere che valiamo qualcosa. Quanto è triste tutto questo?

Per ciò che riguarda la storia a distanza ti capisco perfettamente, anche a me è capitata e spesso si molla perchè i problemi diventano insormontabili. Però spesso i problemi si accentuano soprattutto quando nel profondo non si vuole realmente quella cosa… insomma, si creano giustificazioni. Il mio consiglio è di stare un po’ da sola, spiegando che non è per far male a lui, ma solo per capire quello che vuoi veramente. La solitudine a volte è un antidoto ai problemi, scrivi i tuoi pensieri quotidianamente (se vuoi fammeli pure leggere) e rileggili a distanza di una settimana. Vedrai che ti si schiarirà tutto leggendoli con aria distaccata. Resta sincera con te stessa, fallo sempre.

 

Un bacio

Marco


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15 + 10 =

Risolvi l'operazione matematica *